Disturbi da stress

Disturbi da Stress

“Lo stress è come una spezia. Nella giusta proporzione esalta il sapore di un piatto. Troppo poca produce un blando, noioso pasto; troppa può soffocarlo”.(Donald Tubesing)

 

Non devi preoccuparti di avere stress, è normale. Forse è più sensato chiedersi che tipo di stress hai. Non sempre infatti lo stress è indice di disturbi da stress.

Esistono due tipi di stress: l’eustress e il distress. Il primo è utile. Quando ti trovi davanti a una difficoltà il cuore pulsa più velocemente e forte, la respirazione aumenta nel suo ritmo, ti senti più caldo, sei concentrato al punto da dimenticarti cosa ti capita attorno. Si tratta di uno stato psicofisico di breve durata. Così, la mente e il corpo stringono un’alleanza per contrastare un possibile pericolo. L’esempio più comune è quando si cerca di ritrarre il braccio poiché un insetto per noi ripugnante si è posato sulla mano.

Diversamente, il distress fa parte dell’altra faccia della medaglia. E’ una condizione psicofisica più complessa. Rispetto alla precedente può durare giorni, settimane, anche mesi o anni. Ciò che rende questo stato psicofisico allarmante sono le conseguenze che ha nel nostro organismo. Coinvolgendo il corpo, la mente, la cognizione, le emozioni e i comportamenti, le manifestazioni possono essere di vario tipo e coinvolgere domini diversi. Fisicamente si possono manifestare: cefalee, dolori diffusi sul corpo, stanchezza, tachicardia, perdita di appetito, problemi sessuali, ecc.. Mentalmente si può essere: arrabbiati, ci si può sentire soli, tesi, infelici, agitati, ecc.. In questo secondo caso si parla di disturbi da stress.

E’ una competenza dei professionisti della salute mentale capire quali domini si attivano nel tuo stress perché può essere facilmente confuso con altri problemi psicologici. A questo punto forse la cosa che puoi fare per te stesso è riconoscere a quale categoria di stress appartieni. Vorremmo esporti dei punti che ti permetteranno di essere più consapevole del tuo stress.

1) hai dei cambiamenti nella tua vita (positivi: come la nascita di un figlio; o negativi: come il disaccordo tra colleghi)?

2) provi stanchezza già dopo pranzo e il medico ti ha detto che non hai nulla di cui preoccuparti dall’ultima visita fatta?

3) ti capita di pensare che le difficoltà che dovrai affrontare sono troppo difficili per te e le tue capacità?

4) hai delle limitazioni nel tuo funzionamento quotidiano che pensi possano essere legate allo stress?

Se per ogni domanda la risposta è SI, sicuramente stai vivendo un periodo difficile che può sembrare senza via d’uscita, anche le situazioni positive, infatti, possono produrre stress. Forse puoi cominciare da ora a prenderti cura di te stesso. Il nostro obiettivo, come professionisti, non è di guarirti dallo stress perché sarebbe un’impresa miracolosa che andrebbe contro le leggi della natura, ma di insegnarti ad usarlo.

WhatsApp chat